Kaka'-Milan: un amore che non finisce mai!!!

Il Real Madrid vuole chiudere la trattativa in 72 ore. Un vero e proprio blitz per una operazione che sembra pianificata da tempo. Le cessioni illustri "cancellate" con un colpo ad effetto chiamato Ricardo Kaká 2.0 . Una vera e propria operazione mediatica, in grande stile per dare un nome più affascinante alla solita "minestra riscaldata". Perché di questo si tratta. Dopo l'addio con tanto di maglietta sventolata dalla finestra di casa al clamoroso ritorno "low cost" con  stipendio pagato al 50% con un Real Madrid che pur di liberarsi del brasiliano sembra disposto a pagare pure il viaggio per Milano. Ieri il direttore di una delle due maggiori testate spagnole, parliamo di As, definiva su Twitter l'esperienza madridista di Kaká come qualcosa di "sonrojante" (imbarazzante da far arrossire). Rende l'idea no?! E allora il Milan cerca di ripartire da qui. Dal giocatore venduto nel 2009 e che in tre anni di Real non è riuscito, neanche in un'occasione, ad avvicinarsi al campione che nel 2007 vinse il Pallone d'oro davanti a Cristiano Ronaldo e Leo Messi.

Kaká tornerebbe al Milan a 30 anni e dopo tre stagioni passate tra panchina, infermeria e Bernabeu, con risultati non certo entusiasmanti. A lui il difficile compito di completare una rosa ridotta ai minimi termini e far passare i vari mal di pancia dei big rimasti. Una sfida sicuramente affascinante ma non basterà Antonello Venditti a realizzare il sogno Kaká. Galliani ai giornalisti ha parlato di "certi amori che non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano". Una dichiarazione d'amore e soprattutto di intenti. L'operazione per riportare a "casa" il brasiliano è ufficialmente cominciata. Il Real dovrà abbassare le richieste, il giocatore idem. Insomma, la situazione migliore per il Milan ma la domanda è una e la rivolgiamo a voi utenti, tifosi rossoneri e non. Basterà Kaká? E giusto parlare di vero rinforzo e punto di ri-partenza o sarà la solita minestra riscaldata che alla fine non toglie neanche la fame?